Al via il prossimo 12 luglio il primo dei cinque Progetti utili alla collettività, i cosiddetti Puc, predisposti dall’assessorato ai Servizi sociali di Francesca D’Alessandro e approvati dalla Giunta Parcaroli , che vedranno impiegati i percettori del reddito di cittadinanza.
Si tratta, come noto, di progetti di inclusione lavorativa e di arricchimento, sia per i beneficiari che per la collettività, , individuati a partire dai bisogni della comunità locale, che andranno  a supportare e o a integrare alcune attività che vengono svolte ordinariamente dal Comune di Macerata.

 Grazie alla firma della convenzione tra il Comune di Macerata, nella persona del sindaco Sandro Parcaroli, del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e Inail, il primo progetto denominato “Orto insieme”, che si prefigge di affiancare gli anziani ai quali è stato assegnato un orto comunale nelle gestione degli spazi, nella segnalazione agli uffici competenti di eventuali inadempienze rispetto al regolamento e delle esigenze di manutenzione, parte includendo 4 percettori del reddito di cittadinanza, individuati dall’Ambito territoriale sociale n. 15 e il Centro per l’impiego,  con un turn over di 6 mesi saranno impegnati nelle attività per tre giorni la settimana, il lunedì, mercoledì e venerdì, dalle 8.30 alle 11.30, per un totale di 9 ore. 

“L’avvio del primo progetto utile alla collettività è un significativo quanto importante passo in avanti per l’intero progetto di inclusione lavorativa individuato, che prevede altri Puc,  finalizzato al reinserimento nelle dinamiche del mondo lavorativo – interviene l’assessore alle Politiche Sociali Francesca D’Alessandro -. Si tratta di un arricchimento sia per i beneficiari che per la collettività, che abbiamo individuato a partire dai bisogni della comunità, che andranno  a supportare e o a integrare alcune attività che vengono svolte ordinariamente dal Comune di Macerata.” 

Il secondo Puc pronto a partire, denominato “Mettiamo in ordine”, vedrà i percettori impegnati nella gestione degli archivi cartacei dei Servizi sociali e subito dopo, a seguire, sarà la volta di “Ti accompagno io” che invece ha lo scopo di fornire supporto ai cittadini che si recheranno alle cure termali.
Per settembre è previsto l’avvio del progetto “Decoro giardini scolastici” che assicurerà la presenza di 2 percettori impegnati per un mese nella pulizia e nella cura dei cortili scolastici. Infine, a ottobre, inizierà l’attività prevista dal progetto “Solidali con l’Emporio solidale” finalizzata a estendere gli orari di apertura dell’Emporio solidale in modo tale da assicurare l’accesso alla struttura in fasce orarie più ampie rispetto a quelle attuali mentre l’attività da svolgere riguarderà anche la sistemazione dei diversi prodotti, la disponibilità a seguire i cittadini che si recano all’Emporio per la spesa ed eventuali mansioni di segreteria.
I volontari che invece verranno impiegati nel progetto “Un nuovo front office”, la cui finalità è quella di potenziare il servizio di portineria degli uffici comunali dislocati nell’ex Distretto militare di viale Trieste, dove si registra quotidianamente un numero elevato di accessi, insieme al personale dedicato, dovranno orientare i cittadini nelle diverse richieste, accoglierli e inviarli agli uffici competenti e svolgere mansioni a supporto dei dipendenti.