Attribuisce a colui che è nato fuori dal matrimonio, la qualità di figlio legittimo;esso avviene per susseguente matrimonio dei genitori ovvero per provvedimento del giudice.