La sicurezza è una condizione imprescindibile per garantire ai cittadini il pieno esercizio delle libertà riconosciute dal nostro ordinamento giuridico, in forma individuale e collettiva. L’aumento della criminalità ed in particolare dei reati contro il patrimonio, destano allarme sociale ed un diffuso senso di percezione di insicurezza nella popolazione, mentre le Forze dell’Ordine operanti sul territorio spesso non dispongono di risorse strumentali ed umane sufficienti per effettuare i necessari controlli ed interventi. Con questo progetto si intende sostenere, regolamentare ed implementare le esistenti aggregazioni di cittadini nate sul territorio al fine di monitorare ed attenzionare l’ambiente prossimo alle rispettive abitazioni.
Il “Controllo del Vicinato” è uno strumento di prevenzione della criminalità, che presuppone la partecipazione attiva dei cittadini residenti in una determinata zona e la collaborazione di questi ultimi con le Forze di Polizia. Agli abitanti dell’area interessata è richiesto unicamente di alzare il livello di attenzione attraverso pochi semplici passaggi: tra questi il “far sapere” che gli abitanti della zona sono attenti e consapevoli di ciò che accade intorno a loro. Infatti, se i vicini lavorano insieme per ridurre l’appetibilità degli obiettivi, i furti e tanti altri “reati occasionali” potranno essere limitati.
Gli obiettivi del “Controllo del vicinato” sono:
– favorire lo sviluppo di una cultura della partecipazione alle tematiche della sicurezza urbana e della collaborazione attiva dei cittadini attraverso una comunicazione efficace, veloce e organizzata;
– coadiuvare le Forze di Polizia nella prevenzione del crimine e nella individuazione delle condizioni che lo favoriscono, aumentando la percezione di sicurezza e la vigilanza;
– rafforzare il rapporto Forze di polizia-comunità scambiando informazioni tramite un “referente” che le raccolga e le trasferisca alle Forze di Polizia.