Palazzo comunale di Cingoli

Il palazzo comunale di Cingoli è formato da strutture molto antiche, la base della torre campanaria e quella parte del fabbricato coperto dal prospetto cinquecentesco, che risalgono presumibilmente al secolo XII o a quello seguente. L’orologio pubblico è del 1482, mentre l’elegante prospetto poggiante su otto pilastri è del 1530. La facciata era arricchita da numerosi stemmi di cardinali, governatori e vescovi, stemmi che però furono rimossi per ragioni di sicurezza dopo il 1670. Nel 1779 fu costruito, nell’interno del palazzo, il nuovo teatro condominiale che ebbe lunga e gloriosa esistenza fincé nel 1936 fu dichiarato inagibile e smantellato. Intorno al 1840, nella sala consiliare, furono dipinti gli stemmi di alcune delle famiglie cingolane ascritte all’ordine nobile dei gonfalonieri. Al piano terra dell’edificio ha sede il Museo Archeologico Statale che conserva preziosi reperti preistorici, protostorici ed ellenistico – romani recuperati durante campagne di scavi nel territorio cingolano. Notevoli le raccolte del Paleolitico e del Neo – Neolitico, con abbondanza di manufatti di alta qualità. Vi sono conservate anche epigrafi medievali e materiale di epoche diverse fino al XX secolo.

Condividi