Vino di visciole

Il nome viene da «visciola» (prunus cerasus), un’antica varietà di ciliegie selvatiche che ben si presta ad essere utilizzata per realizzare questo vino aromatico. La saggezza dei contadini delle nostre zone ha permesso di mantenere in vita il tradizionale metodo di produzione che prevede una seconda fermentazione con frutta e zucchero. Rivela al naso aromi di ciliegie mature ed è contraddistinto da un aroma intenso ma delicato e da un finale gradevolmente amarognolo.
Da Gustare
Ideale da gustare con biscotti rustici e cioccolato nero.
Tecnologia di Lavorazione
Nonostante ogni paese vanti una propria ricetta, l’elemento di base, ossia le visciole dal colore rosso scuro e dal fresco sapore acidulo, rimane invariato. Con l’aggiunta di zucchero il vino subisce una seconda fermentazione a cui si pone fine solo dopo aver ottenuto un prodotto amabile e delicatamente profumato.

Tratto da “Gusti tipici Maceratesi

Condividi