Lonzino

Il lonzino, essendo molto magro, era uno dei salumi che per primi venivano gustati in primavera. Praticamente non è altro che il lombo disossato del maiale, salato e ben conciato; si consuma infatti dopo poco tempo, tre quattro mesi al massimo quando già si può affettare con facilità.
Da Gustare
Il principale consumo del lonzino lo prevede affettato e servito con pane croccante e un buon bicchiere di vino rosso. Fresco può essere la base per un ottimo carpaccio.
Tecnologia di lavorazione
La lavorazione tradizionale del lonzino, secondo l’antica ricetta, prevede che la carne (lombo di maiale) venga immersa in infusione nel vin santo, speziata con aromi leggeri (senza agliatura), salata e fatta sgrondare per 3 giorni; quindi viene fatta riposare per circa 2 settimane e stagionare per un breve periodo.

Tratto da “Gusti Tipici Maceratesi“.

Condividi