Indivia

È una pianta erbacea altrimenti indicata con il termine cicoria riccia. Le due varietà coltivate sono quella crispum (indivia propriamente detta) e latifolium (che si indica anche con il nome di scarola). Il prodotto è costituito dal “cespo” e cioè dalla rosetta di foglie che coronano il brevissimo fusto e che nell’accrescimento si sovrappongono e si serrano in un grumolo, detto cuore, più o meno compatto.
Tecniche Colturali
Nella piccola coltura si semina in semenzaio e successivamente si trapianta; nella grande coltura di pieno campo viene praticata la semina diretta, impiegando seme normale o confettato. L’epoca di semina più diffusa è luglio-agosto, per raccolta dall’autunno alla fine dell’inverno, a seconda del clima.

Tratto da “Gusti Tipici Maceratesi“.

Condividi