Parco Nazionale dei Monti Sibillini

I Monti Sibillini danno la forma ad un paesaggio dove la magia, la storia e la cultura hanno contribuito alla creazione di una realtà unica a irripetibile. Il Parco, istituito nel 1993, si estende per circa 70 mila ettari, tra le regioni Marche e Umbria, toccando le province di Macerata, Ascoli Piceno e Perugia. Nonostante il Parco includa un territorio dall’enorme valore naturalistico, il paesaggio varia a seconda di quale versante si sta prendendo in considerazione. Alla provincia di Macerata appartengono il “versante fiorito”e il “versante storico”. Nel primo caso si tratta della zona più settentrionale del Parco con i prati di Ragnolo dove, nel periodo estivo, si possono osservare splendide fioriture. In questo versante si trovano i comuni di Acquacanina, Bolognola, Cessapalombo, Fiastra, Fiordimonte e San Ginesio. Il “versante storico” interessa invece i comuni di Castelsantangelo sul Nera, Pievebovigliana, Pieve Torina, Ussita e Visso e si presenta come un territorio ricco di castelli e torri di vedetta, che ancora oggi caratterizzano la struttura di numerosi centri abitati, edificati dai valligiani per difendersi dalle ripetute incursioni dei Saraceni.

Tratto dal Portale turismo della provincia di Macerata

Condividi