Collegiata di San Lorenzo di Urbisaglia

La Collegiata di San Lorenzo di Urbisaglia, a pianta circolare con otto colonne che sorreggono gli archi a tutto sesto, venne costruita fra il 1790 e il 1800. Dal 1925 iniziò la sua ristrutturazione e la decorazione secondo lo stile del tempo. Nello stesso periodo Ciro Pavisa (1890-1973) affrescò l´abside con cinque episodi della vita di San Lorenzo. Gli affreschi, che fanno riferimento alla vita di san Lorenzo, completati da una epigrafe che ne chiarisce il significato, sono, da sinistra: Guarigione degli ammalati (“Diede la vista ai ciechi”), I Tesori della Chiesa (“Questi sono i testori della Chiesa”), Il supplizio sulla graticola (“Sulla graticola non negò Dio”), Arresto di Sisto II (“Dove vai, padre, senza il figlio?”), Esercizio del Ministero (“Sbrigati a battezzarmi”). Di notevole interesse, nella prima cappella a destra dell´ingresso, il Trittico di Stefano Folchetti di San Ginesio, del 1507, come riferito dal cartiglio centrale. Esso rappresenta al centro lo sposalizio mistico di S.Caterina d´Alessandria con Gesù e, ai lati, San Lorenzo martire e San Pietro apostolo. Sulla predella sono raffigurati i dodici apostoli con al centro la figura del Cristo. Nel pilastro laterale sinistro le figure di San Sebastiano, San Francesco d´Assisi e San Nicola da Tolentino. Nel pilastro laterale destro San Rocco, Sant´Agata e Santa Apollonia. Nei semipennacchi è raffigurata l´Annunciazione. Nella seconda cappella a destra dall´ingresso l´altare del Sacro Cuore, la cui effige, molto venerata dagli urbisagliesi, fu portata in processione nell´aprile del 1893 per invocare la pioggia dopo un lungo periodo di siccità. Secondo la devozione la richiesta venne esaudita e da allora, ogni 28 aprile, si celebra ad Urbisaglia la festa votiva del Sacro Cuore. Ai lati del Sacro Cuore altri due affreschi del Pavisa: la Crocifissione e l´Ultima Cena. Nella seconda cappella a sinistra dall´ingresso, la Vergine del Rosario, opera che imita la Madonna del Rosario di Lorenzo Lotto conservata a Cingoli nella chiesa di San Domenico. La tela, datata 1577, raffigura la Madonna in trono con il Bambino, circondata dalla rappresentazione dei 15 misteri del Santo Rosario, legati fra loro da una corona. La tela conservata sulla sinistra della stessa cappella rappresenta la Madonna circondata dai santi patroni di Urbisaglia: papa San Pio V, San Lorenzo martire, San Giorgio e San Marone.

Tratto dalla sezione turismo del sito del comune di Urbisaglia

Condividi