Castello di Vestignano di Caldarola

Il Castello di Vestignano di Caldarola fu assegnato al monastero di Casauria da Ludovico II ed in epoche successive fu dato ai Varano. In zona circondata da boschi, Vestignano conserva ancora possenti mura con torrione cilindrico e torrette a base quadrata, vie strette, case basse, con tetto spiovente, archivolti e sottopassaggi. I Longobardi che occuparono la zona nell’ VIII sec. costruirono un tempio al loro protettore S.Giorgio. Di questa costruzione restano i dipinti del catino absidale, la duecentesca scultura di S.Martino ed altre parti interessanti. Il paese coincide con il castello. Nell’abside della chiesa sono conservati tre affreschi di difficile lettura perchè consumati: un Santo con l’aureola a punte, una Madonna con Bambino e una Adorazione dei Magi. L’epoca ed il taglio delle opere fanno pensare alla scuola folignate del primo ‘400. Straordinario il complesso pittorico per la quantità e la qualità, con opere di Simone e Andrea De Magistris e Nobile da Lucca.

Tratto dalla sezione turismo del sito del Comune di Caldarola.

Condividi