Cassero di Castelraimondo

Castelraimondo è stato edificato per necessità belliche, divenendo punto di collegamento per mezzo del suo Cassero con i comuni limitrofi su una linea difensiva di 10-15 Km. Il Cassero è un’imponente torre merlata, alta 36 metri, rastremata a tre “ncrocche”, simbolo di Castelraimondo, è l’unico resto dell’antica fortezza sul quale rimangono incorporate successive parti di mura e una torre. Il Cassero, torre di avvistamento avanzata del sistema dell’intagliata, linea di torri, fossati e muraglioni fatti edificare dalla signoria dei Da Varano a difesa della città di Camerino, per un tratto di 12 km da Pioraco fino a Torre Beregna, durante le guerre con i paesi vicini di Matelica e San Severino. Il Cassero di Castelraimondo, che tutt’ora domina sul territorio marchigiano, è ciò che resta di quella che doveva essere stata una bella fortificazione costruita nel Trecento. La torre, merlata ed alta più di 35 metri, era inserita in una costruzione fortificata di cui oggi restano poche vestigia: tratti di mura di cinta ora inglobati nella chiesa parrocchiale. La torre è divenuta invece la Chiesa del campanile di San Biagio.

Tratto dalla sezione turismo del sito del comune di Castelraimondo.

Condividi